GOLDEN GLOBE 2021 ECCO I VINCITORI

Spread the love

di Patrizia Vassallo

Tra poco da costa a costa degli States, dalle 17 alle 20 ora americana su NBC (lo streaming sarà disponibile il giorno successivo su Peacock, il nuovo servizio di streaming gratuito della rete televisiva), andranno in onda i Golden Globes 2021,  i premi della HFPA, l’associazione della Stampa Estera presente negli Stati Uniti, che avrà il compito di premiare il meglio della tv e del cinema.

 La diretta in Italia sarà su Sky Atlantic e Sky Tg24 anche in streaming su Now Tv e in mobilità su Sky Go.

La diretta integrale della cerimonia inizierà alle 00:30 su Sky Atlantic con il pre-show mentre su Sky Tg 24 l’appuntamento è all’1:00 con il commento dallo studio italiano di Denise Negri di Sky Tg24, Federco Chiarini per Sky Atlantic e Francesco Castelnuovo per Sky Cinema. Con contribuiti e approfondimenti di Alessandra Venezia membro della HFPA e della giornalista Marta Perego.

Ava DuVernayColin Farrell, Gal Gadot, Amanda Seyfried, Ben Stiller, Justin Theroux, Sandra OhSarah Paulson, Angela Bassett , Laura Dern , Salma Hayek ,and Jamie Lee Curtis   Bryce Dallas Howard, Christopher Meloni, Rosie Perez  Christian Slater ,Tiffany HaddishKate HudsonMargot Robbie Kenan Thompson, Anthony Anderson, AwkwafinaCynthia ErivoJoaquin PhoenixKristen WiigRenee ZellwegerAnnie Mumolo, Kevin BaconSterling K. BrownMichael DouglasKyra SedgwickSusan Kelechi WatsonCatherine Zeta-Jones sono i vip che quest’anno si sono uniti ai presentatori della 78esima edizione dei Golden Globe,  Tina Fey, in collegamento dalla Rainbow Room di New York e Amy Poehler dal Beverly Hilton di Los Angeles. Non certo due neofite visto che sia Tina sia Amy in passato hanno condotto la nota kermesse nel 2013, 2014 e 2015.

Non sono mancati nemmeno gli ambasciatori, un ruolo che quest’anno è stato assegnato ai figli di Spike Lee. Una conduzione “a distanza”, per la prima volta nella storia dei Golden Globe e un’organizzazione pensata per rispettare le norme anti-contagio, motivo per cui tutti i nominati si sono collegati da remoto, ciascuno dalla propria abitazione.

Segui i Golden Globes su Twitter (@GoldenGlobes), Instagram (@GoldenGlobes) e Facebook ( www.facebook.com/GoldenGlobes)

La Hollywood Foreign Press Association (HFPA) all’inizio di febbraio aveva già annunciato i candidati di questa edizione avvalendosi dell’ausilio di di Sarah Jessica Parker , sei volte vincitrice del Golden Globe, e Taraji P. Henson , vincitrice di un Golden Globe e che con alle spalle due candidature al Premio Emmy.

Grande la sorpresa di Laura Pausini per la vittoria di un Golden Globe per la sua canzone “Io Sì” da “La vita davanti a sé” di Edoardo Ponti è la migliore canzone originale del 2020.

“Grazie mille” ha detto Laura nel corso della diretta sulla Nbc.  “Mai e poi mai avrei pensato di vincere ai Golden Globe Awards…che emozione pazzesca e che grandissimo onore! È veramente un privilegio essere la prima donna ad avere vinto con un brano tutto in italiano! Dedico questo premio a tutti coloro che vogliono e meritano di essere “visti””, ha aggiunto Laura, “e a quella ragazzina che 28 anni fa vinse Sanremo e non si sarebbe mai aspettata di arrivare così lontano”. Poi l’omaggio a Sophia Loren: “Tutta la mia gratitudine e il rispetto per la meravigliosa Sophia Loren, è stato un onore dare voce al tuo personaggio, per trasmettere un messaggio così importante, di accoglienza e unità”. Nella lunga serie di ringraziamenti, la Pausini ha dedicato il riconoscimento all’Italia, alla famiglia: “E a tutti coloro che hanno scelto me e la mia musica e mi hanno reso quello che sono oggi. E alla mia bellissima figlia, che da oggi vorrei ricordare la gioia nei miei occhi, sperando che cresca e continui sempre a credere nei propri sogni”.

Ma ecco chi sono i vincitori:

Miglior film drammatico

  • Nomadland, regia di Chloé Zhao
  • The Father, regia di Florian Zeller
  • Mank, regia di David Fincher
  • Una donna promettente (Promising Young Woman), regia di Emerald Fennell
  • Il processo ai Chicago 7 (The Trial of the Chicago 7), regia di Aaron Sorkin

Miglior film commedia o musicale

  • Borat – (Borat Subsequent Moviefilm: Delivery of Prodigious Bribe to American Regime for Make Benefit Once Glorious Nation of Kazakhstan), regia di Jason Woliner
  • Hamilton, regia di Thomas Kail
  • Music, regia di Sia
  • Palm Springs – Vivi come se non ci fosse un domani (Palm Springs), regia di Max Barbakow
  • The Prom, regia di Ryan Murphy

Miglior regista

  • Chloé Zhao – Nomadland
  • Emerald Fennell – Una donna promettente (Promising Young Woman)
  • David Fincher – Mank
  • Regina King – Quella notte a Miami… (One night in Miami…)
  • Aaron Sorkin – Il processo ai Chicago 7 (The Trial of the Chicago 7)

Migliore attore in un film drammatico

  • Chadwick Boseman – Ma Rainey’s Black Bottom
  • Riz Ahmed – Sound of Metal
  • Anthony Hopkins – The Father
  • Gary Oldman – Mank
  • Tahar Rahim – The Mauritanian

Migliore attrice in un film drammatico

  • Andra Day – The United States vs. Billie Holiday
  • Viola Davis – Ma Rainey’s Black Bottom
  • Vanessa Kirby – Pieces of a Woman
  • Frances McDormand – Nomadland
  • Carey Mulligan – Una donna promettente (Promising Young Woman)

Migliore attore in un film commedia o musicale

  • Sacha Baron Cohen – Borat – Seguito di film cinema (Borat Subsequent Moviefilm: Delivery of Prodigious Bribe to American Regime for Make Benefit Once Glorious Nation of Kazakhstan)
  • James Corden – The Prom
  • Lin-Manuel Miranda – Hamilton
  • Dev Patel – La vita straordinaria di David Copperfield (The Personal History of David Copperfield)
  • Andy Samberg – Palm Springs – Vivi come se non ci fosse un domani (Palm Springs)

Migliore attrice in un film commedia o musicale

  • Rosamund Pike – I Care a Lot
  • Marija Bakalova – Borat – Seguito di film cinema (Borat Subsequent Moviefilm: Delivery of Prodigious Bribe to American Regime for Make Benefit Once Glorious Nation of Kazakhstan)
  • Kate Hudson – Music
  • Michelle Pfeiffer – French Exit
  • Anya Taylor-Joy – Emma.

Migliore attore non protagonista

  • Daniel Kaluuya – Judas and the Black Messiah
  • Sacha Baron Cohen – Il processo ai Chicago 7 (The Trial of the Chicago 7)
  • Jared Leto – Fino all’ultimo indizio (The Little Things)
  • Bill Murray – On the Rocks
  • Leslie Odom Jr. – Quella notte a Miami… (One night in Miami…)

Migliore attrice non protagonista

  • Jodie Foster – The Mauritanian
  • Glenn Close – Elegia americana (Hillbilly Elegy)
  • Olivia Colman – The Father
  • Amanda Seyfried – Mank
  • Helena Zengel – Notizie dal mondo (News of the World)

Miglior film in lingua straniera

  • Minari, regia di Lee Isaac Chung (Stati Uniti d’America)
  • Un altro giro (Druk), regia di Thomas Vinterberg (Danimarca)
  • La llorona, regia di Jayro Bustamante (Guatemala)
  • La vita davanti a sé (The Life Ahead), regia di Edoardo Ponti (Italia)
  • Due (Deux), regia di Filippo Meneghetti (Francia)

Miglior film d’animazione

  • Soul, regia di Pete Docter e Kemp Powers
  • I Croods 2 – Una nuova era (The Croods: A New Age), regia di Joel Crawford
  • Onward – Oltre la magia (Onward), regia di Dan Scanlon
  • Over the Moon – Il fantastico mondo di Lunaria (Over the Moon), regia di Glen Keane
  • Wolfwalkers – Il popolo dei lupi (Wolfwalkers), regia di Tomm Moore e Ross Stewart

Migliore sceneggiatura

  • Aaron Sorkin – Il processo ai Chicago 7 (The Trial of the Chicago 7)
  • Emerald Fennell – Una donna promettente (Promising Young Woman)
  • Jack Fincher – Mank
  • Florian Zeller e Christopher Hampton – The Father
  • Chloé Zhao – Nomadland

Migliore colonna sonora originale

  • Trent Reznor, Atticus Ross e Jon Batiste – Soul
  • Trent Reznor e Atticus Ross – Mank
  • James Newton Howard – Notizie dal mondo (News of the World)
  • Alexandre Desplat – The Midnight Sky
  • Ludwig Göransson – Tenet

Migliore canzone originale

  • Io sì (Seen) (Diane Warren, Laura Pausini e Niccolò Agliardi) – La vita davanti a sé (The Life Ahead)
  • Fight for You (H.E.R., D’Mile e Tiara Thomas) – Judas and the Black Messiah
  • Hear My Voice (Daniel Pemberton e Celeste) – Il processo ai Chicago 7 (The Trial of the Chicago 7)
  • Speak Now (Leslie Odom Jr e Sam Ashworth) – Quella notte a Miami… (One night in Miami…)
  • Tigress & Tweed (Andra Day e Raphael Saadiq) – The United States vs. Billie Holiday

Premi per la televisione

Miglior serie drammatica

  • The Crown
  • Lovecraft Country – La terra dei demoni (Lovecraft Country)
  • The Mandalorian
  • Ozark
  • Ratched

Migliore attore in una serie drammatica

  • Josh O’Connor – The Crown
  • Jason Bateman – Ozark
  • Bob Odenkirk – Better Call Saul
  • Al Pacino – Hunters
  • Matthew Rhys – Perry Mason

Miglior attrice in una serie drammatica

  • Emma Corrin – The Crown
  • Olivia Colman – The Crown
  • Jodie Comer – Killing Eve
  • Laura Linney – Ozark
  • Sarah Paulson – Ratched

Miglior serie commedia o musicale

  • Schitt’s Creek
  • Emily in Paris
  • The Flight Attendant
  • The Great
  • Ted Lasso

Migliore attore in una serie commedia o musicale

  • Jason Sudeikis – Ted Lasso
  • Don Cheadle – Black Monday
  • Nicholas Hoult – The Great
  • Eugene Levy – Schitt’s Creek
  • Ramy Youssef – Ramy

Migliore attrice in una serie commedia o musicale

  • Catherine O’Hara – Schitt’s Creek
  • Lily Collins – Emily in Paris
  • Kaley Cuoco – The Flight Attendant
  • Elle Fanning – The Great
  • Jane Levy – Lo straordinario mondo di Zoey (Zoey’s Extraordinary Playlist)

Miglior miniserie o film televisivo

  • La regina degli scacchi (The Queen’s Gambit)
  • Normal People
  • Small Axe
  • The Undoing – Le verità non dette (The Undoing)
  • Unorthodox

Migliore attore in una miniserie o film televisivo

  • Mark Ruffalo – Un volto, due destini – I Know This Much Is True (I Know This Much Is True)
  • Bryan Cranston – Your Honor
  • Jeff Daniels – Sfida al presidente – The Comey Rule (The Comey Rule)
  • Hugh Grant – The Undoing – Le verità non dette (The Undoing)
  • Ethan Hawke – The Good Lord Bird – La storia di John Brown (The Good Lord Bird)

Migliore attrice in una miniserie o film televisivo

  • Anya Taylor-Joy – La regina degli scacchi (The Queen’s Gambit)
  • Nicole Kidman – The Undoing – Le verità non dette (The Undoing)
  • Cate Blanchett – Mrs. America
  • Daisy Edgar-Jones – Normal People
  • Shira Haas – Unorthodox

Migliore attore non protagonista in una serie, miniserie o film televisivo

  • John Boyega – Small Axe
  • Brendan Gleeson – Sfida al presidente – The Comey Rule (The Comey Rule)
  • Dan Levy – Schitt’s Creek
  • Jim Parsons – Hollywood
  • Donald Sutherland – The Undoing – Le verità non dette (The Undoing)

Migliore attrice non protagonista in una serie, miniserie o film televisivo

  • Gillian Anderson – The Crown
  • Helena Bonham Carter – The Crown
  • Julia Garner – Ozark
  • Annie Murphy – Schitt’s Creek
  • Cynthia Nixon – Ratched

Premi onorari

Golden Globe alla carriera

  • Jane Fonda

Golden Globe alla carriera televisiva

  • Norman Lear

Golden Globe Ambassador

  • Jackson Lee e Satchel Lee (figli di Spike Lee e Tonya Lewis Lee)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: