CONTE OTTIENE LA FIDUCIA ALLA CAMERA

Spread the love

Il premier Conte ha ottenuto la fiducia dalla Camera: 321 i voti a favore, 259 i contrari e 27 gli astenuti. La votazione è stata palese per appello nominale ossia ciascun deputato ha sfilato davanti al banco della presidenza e ha dichiarato il suo voto ad alta voce. Conte ha lasciato l’Aula della Camera non appena ha avuto inizio la votazione.


Il premier a Montecitorio ha chiesto l’appoggio dei “volenterosi” di area “europeista: liberale, popolare, socialista”
. Promettendo quindi che lascerà la delega ai Servizi “a un’autorità delegata di mia fiducia”, e quella all’agricoltura, e impegnandosi per “una riforma elettorale proporzionale” e “un grande progetto di riforma fiscale”.

Le opposizioni in aula hanno chiesto le dimissioni. “Ormai vive su Marte”, ha detto Matteo Salvini, riferendosi a Conte. Il no alla fiducia al premier è arrivato da Fi e Udc. Italia Viva come aveva già detto si è astenuta. Zingaretti ha detto: “La strada è più stretta di quanto si immagini perché non possiamo accettare di tutto”.

“Il mio è un appello molto chiaro e nitido: c’è un progetto politico ben preciso e articolato che mira a rendere il Paese più moderno e a completare tante riforme e interventi già messi in cantiere”, ha detto Conte.
“Dalle scelte che ciascuno in questa ora grave deciderà di compiere dipende il futuro del paese. Siamo chiamati a costruirlo insieme, è un appello trasparente, alla luce del sole, chiaro che propongo nella sede più istituzionale e rappresentativa del Parlamento. Dopo quanto successo il 6 gennaio in America, siamo consci che le nostre democrazie vanno difese con i fatti e con le parole, e noi leader abbiamo un compito: non ci possiamo permettere, come successo negli Stati Uniti, di alimentare la tensione”, ha proseguito Conte. “Pongo la questione di fiducia sull”approvazione della risoluzione di maggioranza” di Pd, M5S e Leu. Domani la partita si giocherà al Senato. In Parlamento è in corso una compravendita di parlamentari. Non si sa se Conte raggiungerà la maggioranza assoluta ossia se arriverà alla conta di 161 voti. Le prospettive fanno pensare a un Governo ter con una maggioranza relativa ossia non con una vera maggioranza quindi anche nelle commissioni parlamentari che farà la vera differenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: