LOCKDOWN, COSA GUARDANO I NUOVI ADDICTED DELL’ON DEMAND

Spread the love

di Patrizia Vassallo

Il lockdown ha chiuso le sale cinematografiche e giocoforza ha obbligato le persone a guardare i film scegliendoli dalle piattaforme on demand sul web come Netflix, Chili, Infinity, Now Tv, Amazon Prime. Ma anche le serie Tv che ci hanno fatto scoprire un nostro lato B che mesi fa ignoravamo ossia quello di esserne assidui fan fino al punto di farci trovare il tempo di vedere oltre 60 episodi in meno di una settimana, magari approfittando delle nottate passate in bianco, a causa dello stress che ci ha fatto venire il Covid-19, trasformandoci quasi in addicted da Guinness dei Primati. Solo per fare qualche esempio citando i best tv movies su Netflix, Breaking Bad: ben 62 episodi (ed è uno tra i più vecchi) e tra gli ultimi Bridgerton: 8 episodi e la Regina degli Scacchi7 episodi.  Poi dal 6 gennaio è partita la nona (e ultima) stagione di Suits, dal 10 gennaio la sesta stagione di Brooklyn Nine-Nine. Poi  Lupin, con Omar Sy (già protagonista del film Lo sbirro di Belleville, su Netflix dal 1 gennaio 2021) nei panni di un ladro gentiluomo a Parigi, in cerca di vendetta. Mentre tra i film, sicuramente da segnare in agenda: Outside the WirePieces of a woman, storia intima e straziante che parla di una donna che deve imparare a convivere con una perdita, diretto da Kornél Mundruczó e Martin Scorsese che ne è il produttore esecutivo. E la serie-Tv Cobra Kai che sarà composta da ben 6 stagioni. 

In tema di revival, tra le nuove uscite Netflix di gennaio spunta anche Dawson’s Creek e resta Friends.

Su Prime Video invece prosegue per tutto il mese di gennaio l’appuntamento con la quinta stagione di The Expanse con episodi settimanali (l’ultimo il 3 febbraio). Tra i più attesi La Stanza, Sul Più Bello, il documentario I Am Greta o Ballo Ballo con le canzoni di Raffaella Carrà. Sul fronte seriale oltre alle aggiunte di Supernatural 13 e Mr. Robot 4, anche la nuova stagione di American Gods con episodi settimanali.

Lux Audience Award

Due giorni fa una giuria indipendente è stata ingaggiata per il Lux Audience Award, il premio creato dal Parlamento europeo e dalla European Film Academy che riunisce i professionisti del cinema in Europa, per scegliere i 3 migliori film usciti nel 2020. Quali quelli scelti? “Colectiv”: un film d’inchiesta del 2019 sulle circostanze attorno l’incendio, nel 2015, scoppiato, nel locale Colectiv durante un concerto. Decine e decine le vittime. La pellicola è stata scelta per rappresentare la Romania, nella categoria per il miglior film internazionale ai premi Oscar 2021. “Another Round”: una commedia amara danese su amore e alcolismo firmata da Thomas Vinterberg. Il film gioca con i generi (commedia, dramma, musical) e li mixa insieme. Ne viene fuori un inno alcolico alla vita che diverte, commuove e inquieta. E “Corpus Christi”: la pellicola firmata dal regista polacco Jan Komasa. Il regista racconta la storia di Daniel, un ragazzo di vent’anni che vive in un centro di detenzione giovanile per aver provocato la morte di un uomo, a cui viene negata la possibilità di entrare in seminario. Il giovane cerca nella fede la risposta ad una nuova vita.

I film sono stati tradotti nelle 24 lingue dell’Unione europea e al momento, saranno disponibili solo online, a causa delle norme imposte dai protocolli sanitari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: