RE/MAX, MERCATO IMMOBILIARE USA COMPRAVENDITE + 20%

Spread the love

Il mercato immobiliare americano ha continuato la sua straordinaria corsa semestrale anche nel mese di novembre, durante il quale le vendite hanno registrato un incremento di circa il 20% rispetto a novembre 2019. Un risultato eccezionale che segna un nuovo massimo storico nei 13 anni di vita del report RE/MAX, eclissando il precedente record novembrino che risale al 2017. Questo nonostante si sia verificato il consueto calo stagionale rispetto a ottobre, con le vendite immobiliari che sono scese del 14,5% mese su mese. Si è trattato comunque di una diminuzione in linea con la media del 12% registrata negli ultimi cinque anni.

In effetti, novembre 2020 ha messo a segno numerosi record, tra cui quello dell’offerta disponibile, che ha toccato i minimi storici dal debutto del National Housing Report RE/MAX nel 2008. Gli altri primati registrati nel corso del mese sono in linea con le medie dei 52 mercati metropolitani statunitensi analizzati dal report:
• il prezzo medio di vendita degli immobili che si è attestato intorno ai 292.000 dollari, è cresciuto del 13,8% rispetto a novembre 2019;
• i giorni di permanenza sul mercato sono stati solo 36 – quasi due settimane in meno rispetto all’anno scorso (49 giorni);
• l’andamento di vendita media mensile ha raggiunto quota 1,8 – poco al di sopra del minimo storico (1,7) segnato ad agosto.

“L’incremento anno su anno delle vendite, vicino al 20%, è un ennesimo segnale della resistenza e dell’appeal del mercato residenziale. La gente continua a spostarsi, perciò prevediamo una forte domanda d’acquisto anche nella prima parte del prossimo anno,” ha spiegato Adam Contos, CEO di RE/MAX Holdings, Inc. “I bassi tassi di interesse assicurano interessanti opportunità ad acquirenti e venditori, tanto che neanche il rialzo dei prezzi sta rallentando significativamente l’attività del mercato. L’ostacolo principale continua a essere la grave indisponibilità dell’offerta in tutto il Paese. Ci aspettiamo tuttavia che nel breve-medio periodo fattori generazionali, scelte relative allo stile di vita e alla maggiore flessibilità rispetto al luogo di lavoro, contribuiscano a far affluire maggiori venditori al mercato, sanando l’attuale squilibrio. Se ciò dovesse avvenire già il prossimo anno, il 2021 potrebbe segnare nuovi primati”.

Anche nel mese di novembre il numero degli immobili venduti ha continuato a essere di gran lunga superiore rispetto a quello dei nuovi immobili messi in vendita. Novembre, inoltre, è stato il quarto mese consecutivo del 2020 a stabilire un nuovo primato in termini di basso numero di incarichi.

TRANSAZIONI CONCLUSE
Nelle 52 aree metropolitane analizzate dal report RE/MAX a novembre 2020, il numero medio di immobili venduti è salito del 19,7% rispetto a novembre 2019 e sceso del 14,5% rispetto a ottobre 2020. Le aree che hanno registrato l’incremento maggiore sono: Little Rock, AR (+36,5%), Chicago, IL (+32,3%) e Hartford, CT (+30,6%).

PREZZO MEDIO DI VENDITA
A novembre 2020, il prezzo medo degli immobili venduti nelle 52 aree metropolitane analizzate è stato di 292.000 dollari, con un incremento del 13,8% rispetto a novembre 2019 e un decremento dell’1,0% rispetto a ottobre 2020. Nessuna città ha registrato una riduzione nel prezzo mediano di vendita, mentre 48 hanno visto un aumento anno su anno a doppia cifra percentuale. Gli incrementi più alti sono stati registrati a: Augusta, ME (+26,4%), Tulsa, OK (+20,7%) e Indianapolis, IN (+19,2%).

GIORNI SUL MERCATO – MEDIA DELLE 52 CITTÀ ANALIZZATE
A novembre 2020 la media dei giorni sul mercato degli immobili venduti è stata di 36; 13 giorni in meno rispetto alla media di novembre 2019 e 1 giorno in meno rispetto a ottobre 2020. I mercati con la media di giorni più bassa sono stati: Omaha, NE con 16 gg; Cincinnati, OH con 18 gg; Boise, ID con 19 gg. I mercati che hanno registrato la media di giorni più alta sono stati: Des Moines, IA con 91 gg; Miami, FL con 83 gg; New York, NY con 74 gg. I “giorni sul mercato” indicano il numero medio di giorni che intercorrono dalla presa dell’incarico alla firma del contratto.

ANDAMENTO DI VENDITA MEDIA MENSILE
Il numero degli immobili in vendita a novembre 2020 è diminuito del 31,8% rispetto a novembre 2019 e del 13,3% rispetto a ottobre 2020. Basato sugli immobili venduti a novembre, l’andamento di vendita media mensile non ha subito alcuna variazione rispetto a ottobre 2020 (1,8 mesi) ed è diminuito rispetto ai 3,7 di novembre 2019. Una media di vendita a 6,0 mesi rappresenta un mercato in equilibrio tra acquirenti e venditori. A novembre 2020, delle 52 città analizzate, solo due hanno registrato una media maggiore di 6 mesi, tipicamente considerata indicativa di un mercato del compratore. Tali mercati sono stati Miami, FL con 6,7 mesi e Indianapolis, IN con 6,2 mesi. I mercati con la più bassa offerta sono stati: Boise, ID con 0,6, e Albuquerque, NM, Denver, CO e Manchester, NH a pari merito con 0,8 mesi.

Quale la grandezza che ha fatto tendenza?

La metratura media delle nuove case vendute negli Stati Uniti è aumentata da circa 750 metri quadrati nel 2010 a 830 metri quadrati nel 2015, per poi scendere nel 2019 a 760 metri quadrati.

Il rapporto si basa sui dati raccolti nel Survey of Construction (SOC), parzialmente finanziato dal Department of Housing and Urban Development (HUD) che fornisce tutti i dettagli nazionali e regionali sulle nuove strutture residenziali unifamiliari e multifamiliari di proprietà privata.

Nonostante il calo della metratura media, la quota di case con quattro o più camere da letto vendute è passata dal 41% del 2010 al 49% nel 2019

Le caratteristiche includono metratura, numero di camere da letto e bagni, tipi di materiale per pareti, parcheggio, prezzi di vendita e altro.

Nessuna rinuncia per le camere da letto

Nonostante il calo della metratura media, la quota di case con quattro o più camere da letto vendute è aumentata dal 41% nel 2010 al 49% nel 2019.

nuove-case-unifamiliari-vendute-non-così-grandi-come-una-figura-1

Nel 2010, il 27% delle 323.000 nuove case unifamiliari vendute negli Stati Uniti aveva tre o più bagni. Nel 2019, il 36% delle 683.000 case vendute negli Stati Uniti aveva tre o più bagni.

nuove-case-unifamiliari-vendute-non-grandi-come-una-figura-2

Prezzi in rialzo nel 2019

Il prezzo medio di vendita delle nuove case unifamiliari vendute nel 2019 ha toccato quota 383.900 dollari, rispetto ai 272.900 del 2010. I prezzi non sono adeguati all’inflazione.

nuove-case-unifamiliari-vendute-non-grandi-come-una-figura-3

Nel 2019, il 69% delle nuove case unifamiliari vendute è stato acquistato dal 58% degli acquirenti nel 2010 utilizzando finanziamenti convenzionali (e altri tipi di finanziamento esclusi Federal Housing Administration (FHA), Veteran’s Administration (VA) o acquisti in contanti).

Il finanziamento convenzionale, ossia il modo principale con cui gli acquirenti hanno acquistato la loro nuova casa è stato il mutuo ipotecario non garantito da alcuna agenzia governativa, come VA o FHA.

nuove-case-unifamiliari-vendute-non-grandi-come-erano-una-figura-4

Caratteristiche delle nuove case unifamigliari

Queste le caratteristiche di tutte le 903.000 nuove case unifamiliari completate nel 2019:

  • 849.000 (o il 94%) avevano l’aria condizionata.
  • 102.000 (11%) avevano due o meno camere da letto e 386.000 (43%) avevano quattro o più camere da letto.
  • 32.000 (3%) avevano un bagno e mezzo o meno e 296.000 (33%) avevano tre o più bagni.
  • 366.000 (41%) avevano una pompa di calore. Di questi, 352.000 provenivano dall’aria e 14.000 dal suolo.
  • 814.000 (90%) sono state intelaiate in legno e 86.000 (10%) sono state intelaiate utilizzando calcestruzzo.
  • 296.000 (33%) avevano un patio e un portico, mentre 71.000 (8%) non avevano elementi esterni.
  • 549.000 (61%) non avevano caminetto.

 Nel 2019 sono state vendute 683.000 nuove case unifamiliari, in aumento del 111% rispetto al 2010. 

nuove-case-unifamiliari-vendute-non-così-grandi-come-una-figura-5

Caratteristiche delle nuove case multifamigliari

Nel 2019 negli Stati Uniti sono state completate 352.000 nuove unità multifamiliari, rispetto alle 155.000 del 2010. Le cifre includono unità in vendita come condomini o cooperative.

Che aspetto hanno le nuove unità multifamiliari?

  • 149.000 (42%) avevano una camera da letto e 40.000 (11%) avevano tre o più camere da letto.
  • 349.000 (99%) erano appartamenti convenzionali e 3.000 (1%) erano case a schiera.
  • 203.000 (58%) erano in edifici con quattro o più piani.
  • 304.000 (86%) avevano una lavanderia individuale e 29.000 (8%) avevano una lavanderia condivisa.
  • 251.000 (71%) erano in edifici intelaiati in legno e 33.000 (9%) erano in edifici con intelaiatura in acciaio.

Ci sono state 321.000 unità multifamiliari costruite in affitto, un aumento del 157% rispetto al 2010.

nuove-case-unifamiliari-vendute-non-grandi-come-una-figura-6

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: