COSÌ COTY FA STRIKE CON KIM KARDASHIAN WEST E LA SORELLA JENNER

Spread the love

di Patrizia Vassallo

Accordo concluso quello tra Kim Kardashian West e Coty Inc. Un affare da 8 zeri per la precisione da 200 milioni di dollari che Kim ha intascato a fronte della cessione del 20% del suo business di bellezza. L’accordo è stato originariamente presentato a giugno esattamente 4 anni dopo il lancio della sua linea di make up, KKW dedicata al trucco per il viso, tra i cui prodotti di punta c’erano i kit per contouring in crema.

 L’obiettivo di Coty per il 2022? Portare la KKW Beauty in nuove categorie, inclusa la cura della pelle, che dovrebbe essere lanciata nell’anno fiscale 2022, si prevede con un largo seguito di pubblico tenuto conto che la Kardashian solo su Instagram ha 197 milioni di follower.

“Kim condivide la nostra vera passione per i prodotti di bellezza e questa acquisizione ci consente di sfruttare i nostri rispettivi punti di forza per il vantaggio reciproco e la creazione di valore”, ha affermato Sue Nabi, amministratore delegato di Coty. “E poi ha una capacità unica di leggere le ultime tendenze di bellezza e benessere, mentre noi abbiamo l’esperienza sul posizionamento globale dei prodotti, l’accesso a una vasta rete di distribuzione globale e le risorse per entrare in nuove categorie di bellezza”, ha continuato Nabi.

Quindi per riassumere Kim si occuperà di guidare gli sforzi creativi su prodotti e comunicazioni, mentre Coty si concentrerà sullo sviluppo di prodotti per la cura della pelle, dei capelli, della cura personale e delle unghie per il marchio. Un accordo quello tra l’artista/influencer e quella che di fatto è una delle più grandi aziende di profumeria al mondo simile a quello quest’ultima ha siglato anche con la sorella di Kim, Kylie Jenner, che invece ha ceduto il 51% della sua Kylie Cosmetics, per 600 milioni di dollari. Con un obiettivo di core-business ben preciso: accelerare il business direct-to-consumer.

Dal 2016 Coty ha aumentato il suo ‘basket of brands’ acquistando ben 41 marchi di bellezza dalla Procter & Gamble. Ora l’obiettivo di Sue, il suo attuale amministratore delegato è quello di spingere il piede sull’acceleratore puntando su prodotti per la cura della pelle con Kylie Skin, KKW e Orveda, quest’ultimo il marchio da lei fondato e acquisito da Coty quando lei è entrata in azienda.

Le origini di Coty Inc.

Coty Inc. è un’azienda di profumeria fondata nel 1904, a Parigi, dal profumiere di origine corsa François Spoturno, che cambiò il suo cognome in Coty, perché suonava più francese ed era più facile da ricordare. Di famiglia borghese, Spoturno imparò a comporre essenze da un amico profumiere, che gli fece scoprire di avere il “naso” adatto per creare profumi. Prima di aprire il suo negozio, in Rue La Boétie, Coty lavorò per un anno alle distillerie di Grasse. Aveva in mente di realizzare un felice binomio tra essenza e presentazione del prodotto. Studiò all’inizio scatole ricoperte di seta, etichette eleganti, ma di facile lettura e fu il primo profumiere a servirsi di flaconi di cristallo, realizzati in esclusiva per lui da René Lalique, all’epoca noto gioielliere, ma che agli esordi della sua felice attività era ancor più noto come produttore di oggetti in cristallo satinato. Più tardi Coty chiese a Baccarat, i cui artigiani erano noti per essere alla costante ricerca della perfezione, un flacone per il profumo “L’Or”. E la leggenda narra che un giorno Coty fece cadere apposta, in terra un flacone, per inondare le clienti di profumo.

Specializzata anche nella produzione di cosmetici ed altri prodotti di bellezza, nel corso degli anni l’azienda ha avuto numerosi cambiamenti di proprietà e di gestione, e si è assestata come una delle principali aziende nel commercio di profumi per uomo e per donna. Il primo profumo lanciato sul mercato da François Coty fu La Rose Jacqueminot, nel 1905 creato insieme alla nota azienda svizzera produttrice di fragranze e profumi, Givaudan. Nel maggio 2005, l’azienda è stata acquisita dalla Unilever, società globale olandese-britannica titolare di 400 marchi tra i più diffusi nel campo dell’alimentazione, bevande, prodotti per l’igiene e per la casa con sedi a Rotterdam e a Londra. Recentemente, Coty ha concluso un altro accordo per vendere le quote di maggioranza di 3 sue linee di bellezza professionali Wella, OPI e Clairol a una joint venture gestita dal gigante del private equity KKR con l’obiettivo di utilizzare i proventi di questo affare, ben 2,5 milioni di dollari in contanti, per pagare i debiti. L’azienda ha anche venduto un’altra quota di maggioranza di un altro marchio che aveva acquisito sotto la guida dell’amministratore delegato Camillo Pane: Younique.

Questa volta Kim vuole davvero il divorzio

Page Six ha appena scritto che “il divorzio è imminente” e presto Kim Kardashian e il marito Kanye West scriveranno legalmente la parola fine sulla loro storia d’amore che a dire il vero sembrava già finita da un pezzo. Prova inconfutabile che Kim non abbia intenzione di fare alcun dietrofront l’assunzione dell’avvocato divorzista delle star, Laura Wasser.

Kim, 40 anni, è da tanto tempo che non indossa più la sua fede nuziale, e i due per le festività natalizie non si sono incrociati una sola volta. Kanye tra l’altro è da tempo che manifesta insofferenza verso tutta la famiglia di Kim, e oramai ha eletto a sua dimora preferita il suo ranch da 14 milioni di dollari nel Wyoming.

Ha anche chiamato la mamma di Kim, Kris Jenner “Kris Jong-Un” e ha affermato che i Kardashian stavano cercando di costringerlo a un trattamento psichiatrico. 

Persino al compleanno della moglie, lo scorso 21 ottobre, a Tahiti si è presentato palesemente demotivato. Criticando addirittura la moglie con alcuni amici comuni per avere speso 1 milione di dollari per i festeggiamenti che sono durati un solo giorno.

Insomma oramai questa coppia, che è tra le più chiacchierate di Hollywood, è arrivata inevitabilmente al capolinea. Ora c’è chi dice che nella spartizione dei beni Kim e Kayne potrebbero avere problemi a mettersi d’accordo sulla spartizione della loro casa di famiglia a Calabasas, in California, per la quale hanno pagato 40 milioni per averla e ne hanno spesi altri 20 per lavori di ristrutturazione. Kim e Kanye si sono sposati nel 2014 con una cerimonia in grande stile in Italia e hanno quattro figli: figlia North, 7 anni, figlio Saint, 5 anni, figlia Chicago, che compirà 3 anni la prossima settimana, e figlio Salmo, 19 mesi. Per Kim questo è il terzo divorzio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: