TRUMP VS TRUMP

Spread the love
Mary Trump, nipote di Donald Trump
(Avary Trump via AP)

di Patrizia Vassallo

Anche ora che oramai è certo che Donald Trump dovrà lasciare la Casa Bianca sconfitto da Biden, sua nipote Mary Trump, psicologa e figlia del fratello maggiore dell’oramai ex presidente, Fred Jr., continua con gli affondi contro lo zio che in un’intervista all’Associated Press, descrivendolo come un tiranno, crudele e traditore. Parole forti che non usa per la prima volta. “Se qualcuno merita di essere perseguito e processato, è Donald”, ha sottolineato. Parole già pronunciate anche durante il lancio del suo primo libro Too Much and Never Enough, How My Family Created The World’s Most Dangerous Man. E che ripete ora ripete ora che sta scrivendo il seguito del noto bestseller “The Reckoning”, con il beneplacito dell’editore St. Martin’s Press che verrà pubblicato a partire dal prossimo luglio.

“L’America ora sta guardando il fondo di un barile semplicemente perché la pandemia è stata completamente mal gestita”, ha detto la Trump ad AP.

Suo zio, Robert Trump, aveva intentato addirittura una causa per impedire l’uscita del primo libro della nipote, in forza di un accordo di riservatezza sugli affari di famiglia che tutti i componenti avevano sottoscritto. E quando il libro uscì lo scorso luglio, Trump su Twitter scrisse che Mary Trump era “una nipote di cui faceva fatica a ricordarsi il volto” lasciando intendere che aveva frequentato pochissimo i nonni e zii e da non habitué consolidata poteva dire poco su di lui, sui suoi meravigliosi genitori (che non potevano sopportarla!) e sul resto della famiglia”.

L’annuncio del secondo libro di Mary Trump è arrivato mentre suo zio continuava a insistere sul fatto che avesse vinto le elezioni e che i voti del rivale democratico Joe Biden erano truccati.

“Questa è una persona che non ha mai vinto legittimamente in vita sua”, ha detto la Trump ad AP. “E non sa che cosa significhi perdere. Perché secondo lui vincere è così importante che per farlo è fondamentale mentire, imbrogliare e rubare”.

Ma Mary si è spinta anche oltre. Parlando male anche del nonno Fred, papà di Trump, che lavorava nel settore immobiliare e che poi è venuto a mancare nel 1999. La Trump nel suo primo libro ha ammesso di aver visto il presidente solo sporadicamente negli ultimi 20 anni, scrivendo che l’ultima cena c’è di famiglia dove lei era presente risale al 2017 .

“Penso che sarebbe una tragedia se Donald e tutti coloro che gli hanno permesso, e hanno commesso crimini con lui, non venissero ritenuti responsabili”, ha detto la Trump ad AP. “Perché ciò renderebbe impossibile per questo paese riprendersi nel lungo termine”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: