GOVERNO: OPERAZIONE CASHBACK, INPS BONUS BEBÉ, ECCO COSA OCCORRE SAPERE

Spread the love

Mai come in questo periodo abbiamo sentito parlare così tanto di bonus. Al via dall’8 dicembre il cashback di Natale, ovvero il rimborso fino a 150 euro per le spese effettuate nei negozi fisici a dicembre. Il Decreto attuativo contenente il regolamento della misura decisa dal Governo è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 28 novembre.

L’operazione cashback inizierà già dal prossimo 8 dicembre, pertanto per gli acquisti che faremo sotto le feste possiamo ottenere un rimborso sul conto corrente pari a 150 euro.

Il cashback extra di Natale sarà accreditato previa registrazione al servizio e se effettueremo almeno dieci acquisti per un massimo di 150 euro l’uno con carta, (si potrà partecipare anche per importi minori) senza distinzione tra beni e servizi, esclusivamente nei negozi fisici e non online, entro il mese di dicembre. Superata la soglia di 150 euro per singolo acquisto non sarà possibile ottenere un cashback aggiuntivo. Non sarà possibile nemmeno frazionare il pagamento del singolo acquisto, la ricevuta di acquisto dovrà tassativamente corrispondere a un unico pagamento.

Si accede al cashback di Natale tramite l’App IO, quella del ‘Bonus Vacanze’

L’adesione al sistema del Cashback deve avvenire tramite l’APP IO con iscrizione tramite SPID (la stessa App utilizzata per il bonus vacanze). Il Programma di rimborso è realizzato attraverso il “Sistema Cashback”, predisposto e gestito dalla società PagoPA S.p.a. Chi intende aderire deve indicare il suo codice fiscale e gli strumenti di pagamento tracciabile di cui intende avvalersi. All’interno dell’App IO si dovranno comunicare i metodi di pagamento abilitati (carte di credito, carte di debito, prepagate ecc.) e si dovrà comunicare anche il codice IBAN del conto sul quale si vuole ricevere il rimborso. Il rimborso del cashback è previsto per Febbraio 2021 attraverso con un bonifico bancario.

Il cashback di Natale anticipa quello che sarà il cashback di Stato (o ordinario) che entrerà a regime dal 1° gennaio 2021, così come previsto dalla Legge 145/2019, anch’esso con l’obiettivo di limitare la circolazione del contante e  pagamenti in nero

È una fake new invece quella del bonus sempre di Natale di 3mila euro che Inps dovrebbe erogare a famiglie con minori di anni tre anni. Con un comunicato sul sito ufficiale e via Twitter, l’Ente ha smentito le notizie circa nuovi bonus di Natale per le famiglie con figli piccoli.

Bonus nido, chi può ottenere 3mila euro e le domande di Natale

Proprio in questi giorni l’Inps sta effettuando i calcoli per il conguaglio e il pagamento di eventuali arretrati. Questo potrebbe essere uno dei motivi che ha portato al rispolvero della notizia ora. La novità del 2020 è stata l’inserimento dell’ISEE nella domanda: non è obbligatorio, ma determinante ai fini del calcolo del bonus nido.

Queste le soglie previste:

  • per ISEE inferiore ai 25.000 euro è previsto un rimborso fino a 3.000 euro annui;
  • per redditi compresi tra i 25.000 e i 40.000 euro spettano fino a 2.500 euro l’anno;
  • per un reddito superiore a 40.000 euro si ha comunque diritto all’agevolazione ma l’importo scende a 1.500 euro.https://ff217fad6a334adbdab19547fe80ed7a.safeframe.googlesyndication.com/safeframe/1-0-37/html/container.html

I riferimenti ufficiali sono contenuti nel messaggio INPS 2839 del 16 luglio 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: