L’ATTORE DANESE MADS MIKKELSEN PIACERÀ COME SOSTITUTO DI JOHNNY DEPP IN ‘ANIMALI FANTASTICI’?

Spread the love
Ecco l’attore danese Mads Mikkelsen, pare sarà lui a vestire i panni dell’oscuro Gellert Grindelwald al posto di Johnny Depp, nel terzo film di Animali fantastici, diretto da David Yates

di Patrizia Vassallo

La Warner Bros ha già trovato il sostituto di Johnny Depp nella saga di Animali Fantastici. L’attore Mads Mikkelsen, sarà lui a vestire i panni dell’oscuro Gellert Grindelwald nel terzo film ora in produzione presso la Warner Bros. Studios Leavesden fuori Londra.

Danese, per la precisione nato nel distretto Østerbro di Copenaghen il 22 novembre 1965, da mamma Bente Christiansen, di professione infermiera e papà Henning Mikkelsen, bancario, con un fratello maggiore, Lars Mikkelsen, anch’egli attore, Mads da ragazzino si allenava per diventare un ginnasta, ma alla fine ha deciso di studiare danza all’accademia di ballo di Göteborg, dove tra l’altro ha imparato anche a parlare svedese. Fare l’attore però, non era un suo sogno nel cassetto, difatti ben 10 anni della sua vita li ha dedicati al ballo. Poi ha iniziato a studiare recitazione alla scuola teatrale di Aarhus nel 1996 e grazie a questo cambio di rotta, ha poi esordito al cinema nello stesso anno, in Pusher – L’inizio, primo episodio di una trilogia criminale diretta da Nicolas Winding Refn, che ebbe grande successo in Danimarca. Al suo curriculum-vitae poi si sono aggiunte altre tappe importanti. Come la partecipazione tra 2000 e 2004 alla serie televisiva poliziesca Rejseholdet, mentre al cinema è stato protagonista dei film diretti da Anders Thomas JensenLuci intermittenti (Blinkende lygter, 2000), I macellai verdi (De grønne slagtere, 2003) e Le mele di Adamo (Adams æbler, 2005).

Il successo a Hollywood lo conquista interpretando Tristano, uno dei mitici Cavalieri della Tavola Rotonda in King Arthur e la notorietà internazionale arriva due anni dopo, quando si cala nei panni di Jacob Pederson, in Dopo il matrimonio (Efter brylluppet) diretto dalla regista danese Susanne Bier, nominato all’Oscar come miglior film straniero e grazie all’interpretazione di Le Chiffre, in Casino Royale diretto da Martin Campbell.

Nel 2009 impersona Igor Stravinsky in Coco Chanel & Igor Stravinsky di Jan Kounen, film di chiusura della 62ª edizione del Festival di Cannes, e il silenzioso guerriero vichingo One-Eye in Valhalla Rising – Regno di sangue di Nicolas Winding Refn, presentato fuori concorso alla 66ª Mostra del Cinema di Venezia.

Nel maggio 2012, vince il premio come miglior attore al Festival di Cannes per la sua interpretazione in Il sospetto di Thomas Vinterberg. Nel 2013 ottiene il ruolo del carismatico Hannibal Lecter nella serie televisiva Hannibal, liberamente ispirata ai romanzi di Thomas Harris. Nel 2015 è guest star nel video musicale Bitch Better Have My Money della cantante Rihanna. E nel 2016, interpreta il villain Kaecilius nel film Doctor Strange del Marvel Cinematic Universe e Galen Erso, il padre della protagonista in Rogue One: A Star Wars Story diretto da Gareth Edwards.

Nel 2019, diventa lo spietato killer Duncan Vizla nel film originale Netflix Polar diretto da Jonas Åkerlund. E plausi li riceve anche ai The Game Awards del 2019, nei panni dell’enigmatico Clifford Unger in Death Stranding, un videogioco di Hideo Kojima.

Tutti si domandano se riuscirà a convincere i fan di Depp di essere un degno sostituto della star tanto amata. Ma è difficile dirlo ora. I tempi sono troppo prematuri. Quello che è certo è che dovrà fare una gran fatica per raggiungere questo risultato. Come è altrettanto certo che Depp, dopo la sconfitta in tribunale col The Sun, che lo aveva definito come un uomo violento nei confronti della moglie Amber Heard, da questa storia ne è uscito davvero con le ossa rotte.

Ora premesso che qualsiasi persona violenta in generale e in particolare nei confronti di una donna, non ha scusanti su qualsiasi fronte, quello che fa propendere l’ago della bilancia verso Johnny è semplicemente il fatto che la Heard, la cui popolarità tra l’altro, e guarda caso, è aumentata dopo le nozze con l’attore, ad oggi a molti ha dato l’impressione di essere una persona sincera.

Cast d’eccezione

Il terzo film di Animali fantastici vanta un cast d’eccezione. Dal premio Oscar Eddie Redmayne (La teoria del tutto), a Katherine Waterston, Dan Fogler, Alison Sudol, Ezra Miller, Callum Turner, William Nadylam, Poppy Corby-Tuech, Jessica Williams, Victoria Yeates e il due volte candidato all’Oscar Jude Law (Cold Mountain, The Talented Mr. Ripley).

Il film diretto da David Yates, vanta anche produttori di alto calibro, quali J.K. Rowling, Steve Kloves (che ne sono anche i sceneggiatori), David Heyman, Lionel Wigram e Tim Lewis, che tra l’altro hanno già tutti collaborato ai due film precedenti della serie ossia Animali fantastici e dove trovarli e Animali fantastici:  i crimini di GrindelwaldNeil Blair, Danny Cohen, Josh Berger e Courtenay Valenti invece sono produttori esecutivi. 

L’attore Dan Fogler

Nel corso di un’intervista a CinemaBlend, l’attore Dan Fogler – che nella saga di Animali fantastici e dove trovarli interpreta il babbano Jacob Kowalski, ha detto sul licenziamento di Depp:

Ciò che è meglio per Johnny e ciò che è meglio per il film potrebbero non essere la stessa cosa. La decisione migliore potrebbe essere quella più ingiusta. Non è semplice. Voglio bene a Johnny e gli auguro tutto il meglio. Lo voglio egoisticamente al meglio se dovessi lavorare di nuovo con lui. Non è una mia decisione. Se lo fosse, mi farei in quattro per girare insieme a lui e mi augurerei che la produzione non si fermi bruscamente a causa di una situazione sanitaria precaria, e pregherei che tutti noi riuscissimo a fornire una performance decente in mezzo a tutto lo stress. Questa è una grande scommessa di cui alcuni non sono disposti a farsi carico, colpevoli o innocenti. Il film deve essere un successo, ci sono troppi elementi che convergono. Qualsiasi decisione farà vittime, accidenti se lo farà… è per questo motivo sarà un casino

Da sinistra, Johnny Depp e Jude Law

Jude Law nei giorni scorsi aveva dichiarato a Entertainment Tonight che le scelte dei produttori sono insindacabili e pertanto vanno accettate, che piacciano o meno.

Si tratta di un film enorme. Probabilmente è una delle produzioni più grandi a cui io abbia mai lavorato. E in una situazione come questa devi fare riferimento allo studio. Ed è tutto quello che puoi fare perché devi presentarti e interpretare il tuo ruolo“.
L’interprete di Silente ha poi sottolineato, senza prendere una posizione specifica: “In un franchise come questo sono lo studio e la casa di produzione che prendono le decisioni importanti. E tu devi accettarle perché sei solo un membro del team“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: