È ST IVES IL LUOGO PIÙ FELICE DOVE VIVERE NEL REGNO UNITO

Spread the love
Uno scorcio di St Ives
ph. Gernot Keller

di Patrizia Vassallo

Qual è il posto nel Regno Unito dove si vive meglio e le persone sono più felici? Secondo un recente studio di Rightmore, una società con sede nel Regno Unito che gestisce Rightmove.co.uk, il portale immobiliare e sito Web immobiliare più grande del Regno Unito e quotato alla Borsa di Londra, è St Ives, una località balneare di 11.165 abitanti, molto rinomata per il surf, in Cornovaglia, che si affaccia sull’omonima baia, al largo della quale si trova l’isola di Godrevy Island. Qui il sorriso è di casa, lo stress praticamente è inesistente, le persone sono piacevoli. Insomma what else? Va anche detto che De gustibus non est disputandum, ossia che i gusti sono soggettivi. E se la regina Vittoria aveva invece una preferenza per l’isola di Wight, nota non solo per la sua foggia a diamante, ma per l’arcinoto festival di musica rock che dopo le prime tre edizioni degli anni dal 1968 al 1970, è rinato nel 2002, St Ives non è solo un posto ideale dove andare in villeggiatura, ma un paese ricco di servizi ed eccellente sul fronte della mobilità.

Ma quanto costa acquistare una casa da queste parti?

Il prezzo medio per una casa in questa pittoresca cittadina di mare è di 413.414 sterline, il 5% in più rispetto allo scorso anno e il 19% in più rispetto a cinque anni fa. E i prezzi sono destinati a salire visto che la domanda di case a St Ives è più che raddoppiata (+ 120%) rispetto all’anno scorso. Quello che è certo è che la differenza di prezzi degli immobili tra St Ives e l’Isola di Wight è stratosferica. Perché sull’isola di Wight ci sono molte meno case e quelle che vengono messe in vendita hanno prezzi che al metro quadrato superano le 6mila sterline.

Secondo lo studio di Rightmore, le aree costiere in generale sono i luoghi in cui le persone si sentono più felici dove vivono

Oltre a St Ives, anche a Falmouth, Weymouth, Plymouth e Poole, tutti posti nel sud-ovest dell’Inghilterra, sono considerati posti ideali dove andare a vivere.

Ma cosa cercano le persone?

Dalle interviste di Rightmore si è evinto che le persone che intendono acquistare o affittare casa nei prossimi 12 mesi, oltre la metà (56%) ha affermato di attribuire maggiore importanza alla vicinanza alla natura e agli spazi verdi. Questa tendenza è più evidente tra i giovani nella fascia di età 18-34 anni.

Effetto lockdown

Il lockdown non ha fatto cambiare il sentiment delle persone. Circa un terzo (36%) delle persone intervistate da Rightmore ha affermato di apprezzare di più la propria zona, il 46% ha detto di non avere percepito alcun cambiamento nel modo in cui si sente e solo il 18% ha affermato un calo di affezione per il luogo in cui vive.

Quali le altre zone gettonate?

Lo studio Rightmove ha evidenziato altri happy places oltre St Ives. Quali?

Richmond upon Thames si è classificata decima nella classifica nazionale di quest’anno ed è stata anche nominata il posto più felice di Londra dove vivere per il sesto anno consecutivo.

Quotatissimo in Galles è Llandrindod Wells nominato il posto più felice dove vivere in Galles e dove i residenti dicono di vivere bene perché fanno la vita che desiderano fare.

Perth è in cima alla lista dei ‘The Best Scottish Places where to live’ e vanta uno spirito di comunità fortissimo, anzi tra i più forti, secondo lo studio di Rightmore.

Per vedere dove sono le zone più felici dove vivere nel Regno Unito, clicca qui 

Cosa dicono gli esperti?

Tim Bannister, esperto di mercato immobiliare di Rightmore, ha spiegato che il lockdown ha dato a molte persone l’opportunità di riconnettersi con la loro area locale. “La nostra ultima ricerca mostra che, nonostante tutte le sfide che quest’anno ha portato, molte persone sono state in grado di riconnettersi con la loro area e comunità locale, il che ha avuto un effetto positivo su come si sentono riguardo a dove vivono. In generale”, prosegue Bannister, “penso che il lockdown abbia consentito alle persone di riscoprire ciò che è a portata di mano e trascorrere più tempo nelle loro aree locali e ha fatto sì che le persone apprezzassero molto di più il loro ambiente e la loro comunità. Lo studio di Rightmore quest’anno mostra un maggiore apprezzamento per gli spazi verdi e la natura e una forte correlazione tra le persone che vivono nelle zone costiere e rurali e quanto siano felici le persone nel luogo in cui vivono. Da quando siamo bloccati, molte persone hanno manifestato il desiderio di vivere in comunità più piccole, quindi non è una sorpresa vedere che la pittoresca città di St Ives ha conquistato il primo posto nel 2020. Ovviamente”, conclude l’esperto, “per molte persone quest’anno non è stato un anno felice, quindi abbiamo voluto utilizzare il nostro rapporto per far luce solo sui luoghi più felici per scoprire come il lockdown ha cambiato il modo in cui le persone si sentono riguardo a dove vivono”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »
error: Content is protected !!
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: